Ritorna alla Homepage
   
Tradizione, Esperienza, Passione per il miglior risultato   


Lampante trasformato in extravergine: la magia non riesce, arresti in Liguria

Visualizza le altre news

GENOVA - Il vicedirettore dell'Agenzia delle dogane della Liguria, Gian Angelo Migliorini, 57 anni, è stato arrestato dai carabinieri del Nas con l'accusa di aver falsificato - nell'arco dell'ultimo anno e mezzo a Genova, Savona e Imperia - certificati di analisi di partite di olio d'oliva e petti di pollo esteri, con profitti indebiti per gli importatori di decine di milioni di euro.
Migliorini è stato arrestato su ordinanza di custodia cautelare richiesta dal pm genovese Monica Parentini, ed emessa dal gip Lucia Vignale. Nell'inchiesta sono complessivamente indagate 30 persone fra tecnici, importatori, spedizionieri e commercianti.
I fatti contestati risalgono a quando Migliorini era direttore dei laboratori delle dogane di Savona e Genova. Secondo l'accusa il dirigente falsificava i certificati delle analisi sull'olio importato, attestando che era extravergine quando invece si trattava di olio «lampante» e cioè da raffinare.
Questo permetteva agli importatori di vendere la merce a un prezzo più alto. Il dirigente, inoltre, secondo gli inquirenti faceva passare petti di pollo congelati provenienti dal Sud America come petti di pollo salati (gravati da un dazio più basso rispetto a quello sulle carni congelate), permettendo pertanto agli importatori di beneficiare di vantaggi fiscali per decine di milioni di euro.
Nell'ordinanza il pm Parentini ha ipotizzato i reati di falso materiale, falso ideologico, soppressione di documenti e reati doganali. Riguardo all'olio d'oliva il dato che emerge dall'inchiesta ligure è allarmante soprattutto se messo in relazione con il recente trend dell'import di olio d'oliva che, nei primi 11 mesi dello scorso anno ha evidenziato, nel complesso una crescita di ben il 18% in volume e dell' 11,9% in valore.All'interno del dato generale non vanno poi dimenticate le cifre relative all'olio lampante. Un segmento nel quale le importazioni crescono a un tasso inferiore a quello registrato per gli oli vergini ed extravergini, ma pur sempre crescono e rappresentano una delle principali voci dell'import. Infatti a quasi tutto il 2001 gli acquisti di oli lampanti dall'estero hanno registrato un incremento del 3,7% totalizzando 111 mila tonnellate circa e determinando un esborso di circa 180 milioni di euro.

Gilda Ferrari, 3-9 Maggio 2002