Ritorna alla Homepage
   
Tradizione, Esperienza, Passione per il miglior risultato   


Otto giorni nella Città dell'Olio così brilla l'oro verde di Sestri

Visualizza le altre news

Presentate la manifestazioni per la valorizzazione turistico-gastronomica del territorio. Corsi di degustazione, una serata a tema, visite guidate a frantoi e panifici, dimostrazione di spremitura delle olive, ma anche degustazioni gratuite. L'obiettivo è allargare in Riviera il numero dei Comuni ammessi all'associazione d'eccellenza.

Sestri Levante. La valorizzazione dell'olivicoltura e della produzione dell'olio viste non soltanto con finalità prettamente di mercato, ma anche come salvaguardia del territorio, arricchimento culturale e promozione dell'entroterra anche in termini turistici.
Questi, in sintesi, le finalità che Sestri Levante, unica realtà del Levante ligure chiamata a far parte dell'Associazione nazionale delle Città dell'Olio, è fermamente intenzionata a raggiungere in collaborazione con la Provincia e il determinante coinvolgimento della Cooperativa olivicoltori sestresi presieduta da Roberto Tubino e dell'Antico frantoio della famiglia Bo, il cui prodotto ha ottenuto una miriade di riconoscimenti a livello nazionale e internazionale - il 'Baia delle Favole' fa parte dei Top 15 a livello mondiale - incluso il prestigioso premio Dino Villani dell'Accademia italiana della cucina.
La complessa marcia di avvicinamento agli obiettivi, passa quest'anno attraverso una serie di manifestazioni che, come è stato illustrato ieri da Anna Monti, Mavi Zonfrillo e Valentina Ghio, rispettivamente assessori al Commercio, Ambiente e Cultura, sono state inserite nel progetto integrato 'Sestri Levante Città dell'Olio'.
Si inizia sabato (9.30, convento dell'Annunziata) con il convegno 'L'oro verde del Mediterraneo', in cui Carlo Cannella, ordinario di Scienza dell'Alimentazione alla 'Sapienza' di Roma e Giovanni Rebora, docente di Storia economica all'Università di Genova, recuperando memorie e abitudini antiche, guideranno il pubblico alla scoperta delle benefiche proprietà dell'olio di oliva.
Altri appuntamenti sono previsti per il 23 e 25 novembre con 'Lezioni di gusto', minicorsi di degustazione dell'olio nuovo, per il venerdì successivo con 'Stoccafisso, olio nuovo e patate di montagna', serata a tema presso diversi ristoranti sestresi che proporranno il tipico piatto e un bicchiere di vino a 10 euro e per sabato 27 novembre (ore 15) con 'Alla scoperta del pane e dell'olio: visite guidate a frantoi e panifici' per vedere da vicino le fasi della preparazione e degustare i prodotti. Il percorso si concluderà domenica con la manifestazione programmata a livello nazionale 'Pane & Olio in frantoio', che porterà nel centro storico le più antiche tradizioni legate alle coltivazioni e produzioni agricole con dimostrazioni di spremitura delle olive, degustazioni gratuite.
Coinvolto nella kermesse anche il mondo della scuola, con la mostra itinerante 'Disegna il paesaggio dell'olio' affidata all'estro e alla fantasia dei ragazzi delle elementari e delle medie e 'C'era una volta la merenda' ideata per regalare ai bambini sapori antichi e insegnare loro le proprietà nutritive dell'olio e del pane.
Al progetto partecipano, in veste di invitati, anche il Comune di Ne, la Comunità montana della val Petronio e il Gal dell'Appennino genovese. Obiettivo far sì che i Comuni a essi collegati possano entrare in un secondo tempo nell'associazione delle Città dell'Olio.

Sandro Pistacchi, 11 Novembre 2004